Petrarca, Francesco: Sonetto CLIX (Stiamo, Amor, a veder la gloria nostra)

Portre of Petrarca, Francesco

Sonetto CLIX (Stiamo, Amor, a veder la gloria nostra) (Italian)


Stiamo, Amor, a veder la gloria nostra,
Cose sopra natura altere e nove:
Vedi ben, quanta in lei dolcezza piove;
Vedi lume, che’l cielo in terra mostra.

Vedi, quant’ arte dora, e ’mperla, e ’nnostra
L’abito eletto, e mai non visto altrove;
Che dolcemente i piedi e gli occhi move
Per questa di bei colli ombrosa chiostra.

L’erbetta verde, e i fior di color mille
Sparsi sotto quell’elce antiqua e negra,
Pregan pur, che ’l bel, piè li prema, o tocchi;

E ’l ciel di vaghe e lucide faville
S’accende intorno, e ’n vista si rallegra
D’esser fatto seren da sì begli occhi.



PublisherBudapest, Magvető Kiadó
Source of the quotationSzerb Antal: Száz vers. Negyedik kiadás. 42. p.

minimap